Giovedì 9 giugno all’areoporto di Genova sono atterrate le due bambine ugandesi segnalate dall’associazione locale partner di Pobic Rena-Foundation, una realtà attiva nella regione Rwenzori, nell’Uganda dell’ovest. Assieme alle rispettive madri le bimbe sono le prime due pazienti ugandesi del progetto “Cuore Aperto”, che Pobic da anni ha attivato in vari paesi del sud e dell’est del mondo, come Costa D’Avorio, Nigeria, Marocco, Ucraina e, da quest’anno, Uganda.

 

Mirias Amutuhaire e Allen Kumujuni sono le prime due bambine ugandesi: entrambe già conosciute di persona dal personale di Pobic durante la missione esplorativa dello scorso aprile le bimbe sono arrivate, come da prassi del progetto, accompagnate dalle loro madri. Mirias Amutuhaire, nata il 28 febbraio 2007, vive con i genitori, 2 sorelle e 1 fratello a Mbarara. Nel 2014 la famiglia ha scoperto la malattia della bambina, una cardiopatia per la quale deve essere operata. Grazie a Pobic i genitori possono sperare nel futuro della loro piccola e la madre, Rosemary Mwebaze, è arrivata con la piccola in Italia. La seconda bimba, Allen Kumujuni, nata il primo maggio 2012, vive a Ibanda, la cittadina dove Pobic si è recata anche per stringere l’accordo di gemellaggio con l’ospedale locale. E’ accompagnata dalla madre Agnes Nasiima.

 

Entrambe le piccole sono state accolte all’areoporto dallo staff di Pobic, arrivato dalla sede con l’autoambulanza per il trasporto sanitario diretto all’ospedale Gaslini di Genova, dove, grazie alla generosità dell’equipe del dottor Francesco Santoro, le bimbe saranno sottoposte alla serie di esami e visite preparatorie per poi affrontare l’intervento cardiochirurgico. Dopo la degenza post operatoria in ospedale saranno ospitate presso le strutture di Pobic dislocate nel mantovano, dove riceveranno tutto il sostegno, le cure e le attenzioni dello staff dell’associazione. Quando le bimbe si sentiranno meglio Pobic organizzerà incontri pubblici, in modo da far incontrare le mamme e le bimbe a tutte le persone che, con il loro affetto, permettono la realizzazione di questo progetto, che per le nostre due bimbe significa la vittoria contro la morte certa.

Facebook

Foto dal post di ONG OPEN HEART POBIC

Alla fine del viaggio abbiamo incontrato il Ministro della Salute dr. Rekawt H. Rashid Karim al quale abbiamo illustrato l’impegno umanitario..

19 likes, 0 comments1 month ago

Foto dal post di ONG OPEN HEART POBIC

Altre foto della realtà locale del Kurdistan iracheno

18 likes, 0 comments1 month ago

Foto dal post di ONG OPEN HEART POBIC

Oggi visita in un villaggio kurdo-iracheno. Questa è la realtà che abbiamo trovato qui…… cercheremo di aiutare questa povera gente con..

14 likes, 1 comments1 month ago

Foto dal post di ONG OPEN HEART POBIC

Lavoro intenso e complesso ma grande Intesa con Save the children Kurdistan. Qui la guerra ha segnato profondamente la popolazione e bloccato..

21 likes, 0 comments1 month ago

Foto dal post di ONG OPEN HEART POBIC

Arrivati in Kurdistan e primi incontri con Save the children Kurdistan. La delegazione è al lavoro per valutare e programmare il prossimo impegno

21 likes, 2 comments1 month ago