COPPIA APERTA QUASI SPALANCATA: SPETTACOLO IN SOSTEGNO DI POBIC

Teatro della Cooperativa di Milano e Pobic onlus presentano lo spettacolo teatrale “Coppia aperta quasi spalancata” di Dario Fo, Franca Rame: una produzione che il Teatro della Cooperativa mette in scena pensando alla solidarietà e alla cooperazione, mettendo a disposizione l’ultima replica, quella del 24 gennaio, alla campagna di sensibilizzazione di Pobic. Pobic è un’associazione nata nel 1992 per occuparsi principalmente di aiuto agli invalidi civili. Dopo 24 anni l’ong è arrivata in Africa e nei paesi dell’Est, con piccoli grandi progetti sanitari e non solo. Per saperne di più, oltre alla pagina Facebook e al sito (www.pobic.org) l’invito è essere domenica 24 gennaio al teatro Arca, corso XXII marzo Nr. 23 a Milano, dove dal 18 gennaio è in scena “Coppia aperta quasi spalancata” . Lo spettacolo di domenica alle 18.30 vedrà la presenza dello staff di Pobic per presentare al pubblico l’ong e le sue attività.

Coppia aperta, quasi spalancata

produzione Teatro della Cooperativa

di Dario Fo, Franca Rame

con Alessandra Faiella, Valerio Bongiorno

regia Renato Sarti

Dario Fo e Franca Rame hanno scritto “Coppia aperta, quasi spalancata” nel 1982, in un periodo in cui l’Italia, grazie ai movimenti di contestazione e soprattutto al contributo di quello femminista, cominciava a svincolarsi dal giogo clerico fascista, come avevano dimostrato l’approvazione delle leggi sul divorzio, l’aborto e l’annullamento del delitto d’onore. Si dovrebbe dedurre quindi che “Coppia aperta, quasi spalancata” sia oggi un testo superato? Assolutamente no. Secoli di repressione e di machismo non spariscono al primo colpo di tosse. Per di più negli ultimi vent’anni le forze reazionarie hanno cercato di minare alla base i grandi mutamenti culturali e le conquiste civili ottenute. Se è vero che le lancette della storia non si possono portare indietro, è altrettanto vero che il testo è sempre attuale e porta il pubblico, soprattutto quello maschile, a riconoscersi nel personaggio sul palco e a dire: “Caspita, ma quello sono io”. Mettere in scena oggi questo spettacolo significa non solo ricordare un’attrice, una donna straordinaria che ha dato tanto a tutti noi e ha pagato fino in fondo le sue scelte, ma anche rendere omaggio alla sua intelligenza e al suo talento. Proprio perché il compito non è dei più semplici, ci siamo affidati alla bravura e alla verve di Alessandra Faiella che, grazie ai recenti successi e la grande maturità attoriale raggiunta, è una delle regine del “far ridere facendo pensare”.

Facebook

Ringraziamo il quotidiano La Provincia di Cremona che racconta la bella serata sullo #Sport che si tenuta alla #Zanzarina di Calvatone. #Solidarietà..

1 likes, 0 comments2 hours ago

Foto dal post di OPEN HEART Pobic Onlus

Ieri sera nell’ambito dell’incontro “L’Uomo, lo Sport e i suoi cambiamenti” il Segretario Nazionale della Federazione Sport per Tutti ha consegnato..

14 likes, 1 comments2 days ago

Oggi è la festa della Repubblica Italiana, una festa importante per la conquista dei valori costituzionali, fondanti il nostro vivere insieme…

3 likes, 0 comments3 weeks ago

Foto dal post di OPEN HEART Pobic Onlus

“Il vostro agire, oltre che essere encomiabile, ci aiuta a capire un pezzo di mondo che vogliamo conoscere e condividere, che sentiamo vicino”…

20 likes, 0 comments3 weeks ago

Ringraziamo per l’articolo

29 likes, 1 comments3 weeks ago

Venerdì 31 Maggio saremo a #Crema, ospiti dell’Amministrazione Comunale e della Fondazione Migrantes. Presenteremo #CuoreAperto al Campo di..

7 likes, 0 comments4 weeks ago